I Sogni e il Metodo delle "Proiezioni Personali" nel VD

I Sogni e il Metodo delle "Proiezioni Personali" nel VD

Per favore, non spiegatemi il mio sogno, perchè potreste soltanto dirmi
cosa significa per voi, non per me ( S.K.Williams) .

Nel Voice Dialogue il lavoro con i sogni è molto importante. I sogni condivisi nei gruppi e nelle sedute individuali sono considerati un supporto al percorso personale, perchè rappresentano la situazione che il sognatore sta vivendo, mettono in risalto i  che agiscono nella sua realtà, aspetti primari e rinnegati, automatismi e desideri.

I sogni fanno emergere spesso aspetti opposti a quelli che si vivono nella vita conscia, aspetti che il sognatore fatica a vedere sopratutto quando l'identificazione con i se' primari ed il coinvolgimento emotivo sono molto forti.

Ecco allora che si definisce l'importanza del gruppo nella condivisione dei sogni. L'ascolto, i feed back e il supporto dei partecipanti mettono in moto una serie di associazioni e di pensieri che possono guidare il sognatore a trovare collegamenti con il proprio vissuto. Il sogno condiviso diventa patrimonio di tutto il gruppo e tutto il gruppo, facendosene carico, sostiene il processo personale del sognatore.

Nei gruppi di lavoro con i sogni improntati al metodo Voice Dialogue ogni feed back al sogno altrui è preceduto dalla frase "Se fosse il mio sogno...." che aiuta ad equilibrare le componenti di proiezione personale, ed evita posizioni intellettuali di pura interpretazione. 

La stessa frase e l'aspetto di elaborazione corale è presente anche nella "tecnica delle proiezioni personali" utilizzata nei gruppi di lavoro con i sogni fin dagli anni '70. L'articolo seguente, che ne spiega l'origine e la funzione, si trova sul sito dell'associazione "Oniros-Association française pour l'étude du rêve" che mi ha gentilmente concesso la riproduzione nella Guida dei sogni

"Concepita negli anni '70 dallo psichiatra americano Montague Ullman, la tecnica delle proiezioni personalisi basa sull'analisi dei sogni effettuata in piccoli gruppi ed è una forma di esplorazione onirica che tende ad inserire il sogno in una dimensione collettiva e sociale evitando la predominanza del singolo interprete e le interferenze interpretative legate alle proprie posizioni teoriche.

Il ruolo del gruppo è quindi aiutare il sognatore senza comprometterne la padronanza del sogno . Sviluppata inizialmente in Svezia e diffusa dal pastore americano Jeremy Taylor, la tecnica delle proiezioni è stata largamente impiegata negli Stati Uniti a partire dagli anni '80.

Intuizione e copacità di ascolto sono fattori dominanti per l'uso di questa tecnica. Il suo principio di base è semplice: chiarire il sogno di un'altra persona appropriandosene e proponendo le proprie considerazioni, ossia le proiezioni personali su un sogno che, allora, diviene oggetto di condivisione.

A differenza degli approcci interpretativi classici, relativi a Freud e Jung per intenderci, la tecnica delle proiezioni personali non si colloca in un quadro strettamente terapeutico, anche se, in virtù della sua dimensione sociale, riveste molto spesso tale ruolo.

Le 4 grandi tappe dell'esplorazione per proiezioni 

Prima tappa, piano soggettivo individuale: il sognatore dovrà raccontare il sogno (preferibilmente breve e recente) al presente. Il gruppo ascolta attentamente il suo racconto onirico. Al fine di cogliere il sogno e appropriarsene virtualmente, i membri del gruppo possono chiedere chiarimenti sul suo contenuto, non sul contesto reale.

Seconda tappa, piano soggettivo comunitario: il gruppo si appropria del sogno, per cui ciascuno dei partecipanti sarà invitato a esprimere le proprie proiezioni sulle differenti componenti del sogno. Ciascuno esprime in piena libertà i propri punti di vista, le associazioni e le intuizioni su un sogno che a partire da quel momento gli apparterrà : "Se fosse un mio sogno, penso che...", ecco una tipica espressione. A quel punto il sognatore prenderà nota degli spunti offerti e, salvo in alcuni casi, non interverrà nel processo di brain-storming effettuato dal gruppo.

Terza tappa, piano soggettivo: il sogno viene restituito al sognatore e diventa spunto per un dibattito. Il sognatore risponde alle domande sul contesto reale del sogno ed esprime il suo parere sulle proiezioni formulate.

Quarta tappa, piano interiettivo: il gruppo aiuta il sognatore a collocare le proiezioni emerse dal suo sogno nel contesto della realtà.

Due regole fondamentali sono: Il carattere confidenziale delle informazioni personali espresse al momento dell¹esplorazione del sogno ; - La padronanza del sogno da parte del sognatore: questi è libero di rispondere o meno alle domande che gli saranno poste, così come può decidere di interrompere l'esplorazione quando ne abbia voglia."

Indirizzo: via G. Verzocchi, 21 - 47121 Forlì (FC)
Telefono: 328 8428225
Email: marni11@tin.it   
Sito web: www.marziamazzavillani.it - www.guidasogni.it
Sottoscrivo documento IVDA: SI
Iscritto all'Ass. VD dal: 2000
Facilita dal: 2000
Formazione fatta con: Franca Errani
Riceve a: Forlì (disponibile a tenere gruppi in altre città)

 

Sono Counselor relazionale Advanced ad indirizzo europeo con formazione Voice Dialogue ed iscritta ad ANCORE albo professionale dei Counselor.

Specializzata in tecniche DreamWorks (lavoro con i Sogni), ho esplorato anche altri ambiti formativi: Conscious Body di Judith Hendin, metodo Plus e BioNeuroEmotions con Nora Fusillo, aggiornamenti alle basi VD con Martha Lou Cohen e Robert Stamboliev, corsi base di PNL, workshop di Terapia breve e tecniche di espressione artistica e corporea.

Sono socia fondatrice e membro del Direttivo dell’Associazione Voice Dialogue Italia e attuale Presidente di Guide sul Web associazione che ha lo scopo di promuovere e diffondere cultura ed informazione sul web.

Nel 2005 ho creato lo spazio web: Guida Sogni ed ho integrato il modello VD con altri approcci di lavoro onirico scrivendo articoli su sogni, simboli, archetipi e metodi di lavoro offrendo una visione del sogno legata alla molteplicità dei Sé interiori, al Voice Dialogue ed al percorso di individuazione. Spazio in cui offro anche consulenze online di counseling e di riflessione sui sogni inviati dai lettori.

Ho messo a punto Sogni e Segni® un progetto riservato a scuole ed istituzioni con l’obiettivo di diffondere la cultura del sogno come metodo di introspezione e di crescita personale anche fra i bambini e gli adolescenti. Progetto che, per tre anni è stato presentato e realizzato nelle classi V° del Liceo Scientifico di Forlì.

Ho creato i seminari “Sogni e Segni” strutturati in 1° e 2° livello o in percorsi a moduli in cui insegno ai partecipanti tecniche di lavoro con i sogni.

Tengo sedute di counseling e di Voice Dialogue, conferenze e lezioni sui temi della crescita personale, laboratori o gruppi in cui fondo dinamica dei Sé e Voice Dialogue al lavoro con i sogni e all’espressione del proprio potenziale creativo.

 

Accesso utenti registrati

Scarica la brochure VDI

Scarica la nostra brochure!

Newsletter VDI

Iscriviti alla nostra newsletter!

CONTATTI

Associazione Voice Dialogue Italia
via Carlo Marx 15/F
06011 Cerbara, Ciattà di Castello (PG)
Tel. 339 8938764 - 392 8838177
Codice Fiscale 91197230377
Email: info@voicedialogue.it

Privacy Policy e Cookie Policy