La donna che canta

La donna che canta

Chi pratica il Voice Dialogue sa che dentro ciascuno di noi coabitano numerose energie contrapposte, e che tutte possono avere voce. Nel film canadese 'La donna che canta” di Denis Villeneuve che ho appena visto, queste voci e queste emozioni emergono in modo contrastante ed inconciliabile, e danno vita ad avvenimenti e ad un finale sorprendente. 

Penso che non si possa dire “Bello!” dopo la visione del film. Si può dire “ Questo succede!?” con stupore ed incredulità, sentendo dentro di noi che è possibile, così come afferma uno dei personaggi: Molte cose che sembrano impossibili succedono. Non ho avuto, dopo la visione grandi pensieri o reazioni, ma la mattina dopo, in un momento di distrazione della mente, nel silenzio dei pensieri mentre le mani che compivano gesti meccanici, ho riflettuto ed individuato alcuni punti che voglio condividere.

Non andate a vederlo se avete avuto una giornata emotivamente pesante e se vi verrebbe voglia di tirare calci al mondo per la rabbia. Se volete usarlo didatticamente non incoraggiate la lettura di commenti o analisi prima. Lasciate che sia la sorpresa e l'incredulità a guidarne la visione. Che si presenta talvolta faticosa per lo spostamento dei piani temporali, l'identità del paesaggio, la somiglianza estrema fra le due protagoniste. Perché segnalo questo film alla vostra attenzione? Per due motivi.

Uno è la trama stessa del film: la ricerca della storia della madre. Ci sono questi due giovani, gemelli. La giovane donna vuole sapere e parte per il suo viaggio. Ripercorre fisicamente i luoghi e il regista usa qua e là le stesse identiche inquadrature e sovrappone le due esperienze. L'identità dei luoghi fa talvolta venire i brividi: è come se fosse un non luogo, dove cose terribili possono essere successe, succedere ancora e non lasciare traccia apparente. Come la nostra anima quando si ricompone per dimenticare le violenze e gli abusi subiti. 

L'incontro con le persone che sono ancora lì, compresenti al viaggio della madre e della figlia, mostra l'eredità famigliare delle emozioni: il rifiuto del gruppo delle donne che pure offrono il the alla giovane, la compassione del carceriere che, pur nel suo ruolo, non aveva infierito sulla madre. Il fratello giudica la madre come sempre assente, e, ora che è morta, non vuole saperne più delle sue storie. Ma quando comincia ad essere coinvolto dalla ricerca capisce che, in qualche modo, ne porta una traccia biologica. Lo dichiara con una battuta amara.

Il silenzio, al momento della comprensione del nodo drammatico delle loro vite accomuna i protagonisti fino all'immagine finale del film. Non può esserci altra reazione all'orrore che il ritrarsi di tutte le nostre energie verso un punto così interno che non può essere visto o sentito. Irraggiungibile se non facciamo appello alla compassione. La compassione (cum patio = soffro con te) che sostiene la nostra empatia quando in una seduta di Voice Dialogue incontriamo un dolore che ci porta ad affrontare un segmento della storia della nostra vita per cercare di conviverci con maggiore chiarezza.

Questo è il secondo motivo della mia segnalazione. E' con compassione che la madre, nel grande amore che l'aveva mossa per il suo viaggio, scrive le lettere del suo testamento, inducendo i figli a ripianare la storia della famiglia. Compassione e rabbia o risentimento per l'oltraggio subito che in lei squarciano la soglia di quello che il suo animo affaticato può contenere. 

Ed eccole allora le emozioni di cui parlavamo, eccole in tutta la loro portata: contrastanti ed inconciliabili emergere da quelle due lettere finali, che la protagonista separa, ma da cui è dilaniata. Sarebbe difficile per chiunque, lì, trovare un Io Consapevole.

Altro in questa categoria: « Il tessitore di sogni

Indirizzo: via Tagliacozzi, 26 - 40141 Bologna BO
Telefono: 051 6231241 3333837291
Email: calicantus@gmail.com
Sottoscrivo documento IVDA: SI
Iscritto all'Ass. VD dal: 2000
Facilita dal: 2006
Formazione fatta con: Franca Errani
Riceve a: Bologna

Laureata in Lingua e Letteratura Inglese, ho insegnato per molti anni nella Scuola Secondaria, con compiti di progettazione e coordinamento nell'area linguistica e in Tecnica della Comunicazione.

Ho partecipato a progetti internazionali di Educazione ai Diritti Umani (1999 e 2001)e Formazione e counseling on line ('Progetto Ascolto Docenti' 2202-2003) Ho sperimentato, in percorsi di varie durate, recitazione metodo Stanislavskij, Dinamica Mentale, Arte terapeutica metodo Steineriano, PNL, danza jazz e contemporanea, percorsi di Negoziazione, Problem Solving, Comunicazione Nonviolenta.

Dopo la formazione in Voice Dialogue e il conseguimento dell'attestato di Counselor relazionale ad indirizzo Voice Dialogue presso la Scuola di Counseling di Franca Errani, ho seguito vari aggiornamenti offerti dalla Scuola stessa, da Martha Lou Wolf, da Robert Stamboliev e da Associazioni Italiane di counseling.

Ho completato una formazione in 'Problematiche relative al sentire le voci ' con Cristina Contini e Franca Errani, e un Level 3 di Conscious Body Training con Judith Hendin. Ho, inoltre, collaborato come docente in Towards the Archetypes, condotto da Robert Stamboliev.

Collaboro con un Centro di Formazione professionale e conduco occasionalmente brevi seminari con piccoli gruppi.

Partecipo attivamente alla vita dell'Associazione Voice Dialogue Italia di cui sono Presidente, collaborando all'organizzazione e alla conduzione di conferenze ed incontri divulgativi e partecipando agli incontri di intervisione.

Sono iscritta al Registro Ancore, che, insieme ad altri, sostiene la richiesta di riconoscimento istituzionale della professione.

Il mio lavoro si concentra sul portare alla luce capacità, talenti e creatività; sul cercare connessioni e significati dagli eventi e dalle storie della vita, per sostenere i cammini individuali. Utilizzo immagini, racconti, miti e scrittura autobiografica interconnessi al Voice Dialogue.

Accesso utenti registrati

Scarica la brochure VDI

Scarica la nostra brochure!

Newsletter VDI

Iscriviti alla nostra newsletter!

CONTATTI

Associazione Voice Dialogue Italia
via Carlo Marx 15/F
06011 Cerbara, Ciattà di Castello (PG)
Tel. 339 8938764 - 392 8838177
Codice Fiscale 91197230377
Email: info@voicedialogue.it

Privacy Policy e Cookie Policy